Descrizione

Confezionamento:
ACQUA OSSIGENATA 250 ML

Soluzione acquosa stabilizzata 12 volumi, a base di perossido di idrogeno al 3,6%. Pronta all’uso, per il lavaggio e la pulizia dei canali radicolari in fase di alesaggio. Caratterizzata da un buon potere ossidante, usata alternativamente all’ipoclorito di sodio (Niclor 5) sviluppa energicamente ossigeno espellendo dai canali ogni residuo organico minerale. Tra le più utilizzate nelle nostre vendite, l’acqua  ossigenata Ogna si presta soprattutto per le tutte le sue funzioni dalle più semplici alle più complesse.

  • prevenire le infezioni cutanee a livello di piccole ferite;
  • attenuare stati irritativi a carico della bocca;
  • sterilizzare strumenti chirurgici e sale operatorie.

Come disinfettante, il perossido di idrogeno è causa di rari effetti avversi, è utilizzabile durante la gravidanza e l’allattamento, è poco costoso ed è largamente disponibile sul mercato.

AQUA OSSIGENATA OGNA 250 ML

Scheda_tecnica_10-014 ogna

acqua ossigenata Ogna

 

Generalità acqua ossigenata Ogna

L’acqua ossigenata, o perossido di idrogeno, è un composto chimico con funzione di disinfettante, ossidante e agente sbiancante.
La sua formula chimica è H2O2, con i due atomi di ossigeno uniti tra loro per mezzo di un singolo legame covalente e i due atomi di idrogeno che si legano singolarmente a ciascun ossigeno.
L’acqua ossigenata trova impiego in svariati ambiti, tra cui l’ambito medico, l’ambito cosmetico e l’ambito industriale.
In campo medico, ilperossido di idrogenoè un moderato disinfettante, particolarmente utile a:

Acqua Ossigenata

  • prevenire le infezioni cutanee a livello di piccole ferite;
  • attenuare stati irritativi a carico della bocca;
  • sterilizzare strumenti chirurgici e sale operatorie.

Come disinfettante, il perossido di idrogeno è causa di rari effetti avversi, è utilizzabile durante la gravidanza e l’allattamento, è poco costoso ed è largamente disponibile sul mercato.

Cos’è l’acqua ossigenata

L’acqua ossigenata, o perossido di idrogeno, è un composto chimico liquido, di formula H2O2 e con funzione di disinfettanteossidante e agente sbiancante.

STRUTTURA

È tendenza diffusa descrivere l’acqua ossigenata come “acqua con un atomo di ossigeno in più” (N.B: la formula chimica dell’acqua è H2O).
In effetti, il perossido di idrogeno comprende due atomi di ossigeno, uniti tra loro per mezzo di un legame chimico singolo, e due atomi di idrogeno, ciascuno legato a un atomo di ossigeno.
Tuttavia la suddetta descrizione (“l’acqua ossigenata è acqua con un atomo di ossigeno in più”) è poco appropriata, in quanto potrebbe indurre qualcuno a pensare che le differenze tra i due composti non siano poi così profonde.

In realtà, quell’atomo di ossigeno in più conferisce all’acqua ossigenata proprietà e caratteristiche estremamente diverse dall’acqua.

L’acqua ossigenata è il più semplice dei perossidi. In chimica, il termine perossido identifica un composto contenente due atomi di ossigeno uniti tra loro mediante un singolo legame covalente.

ALCUNE CARATTERISTICHE E PROPRIETÀ AQUA OSSIGENATA OGNA 250 ML

In forma pura, l’acqua ossigenata è un liquido incolore, corrosivo e dall’odore pungente, la cui temperatura di ebollizione è 150,2°C (all’incirca 50°C in più rispetto all’acqua).
Poiché, in una siffatta condizione di purezza, il perossido di idrogeno rappresenta un prodotto poco sicuro per l’incolumità umana, sul mercato è presente soltanto in forma diluita, per la precisione “allungato” in una soluzione acquosa.
Con la sua diluizione, l’acqua ossigenata cambia alcune sue proprietà e diventa un composto chimico più sicuro. Per esempio, il prodotto normalmente commercializzato possiede una temperatura di ebollizione di 114°C, il che riduce il rischio di una sua reazione esplosiva.

Acqua ossigenata Struttura Chimica

SCOPERTA E ALCUNE NOTIZIE STORICHE

Una prima descrizione dell’acqua ossigenata appartiene a un chimico francese di nome Louis Jacques Thénard e risale al lontano 1818. Thénard ottenne il perossido di idrogeno facendo reagire il perossido di bario con l’acido nitrico.
A sintetizzare per la prima volta il perossido di idrogeno in forma pura fu un chimico tedesco di nome Richard Wolffenstein, quasi 80 anni dopo la descrizione di Thénard, precisamente nel 1894.
L’identificazione della precisa struttura molecolare dell’acqua ossigenata richiese anni di ricerche.
A questi studi sulla struttura molecolare fornirono un contributo fondamentale il fisico e matematico inglese William Penney e il fisico Scozzese Gordon Sutherland.